Top
Escursioni trekking - Sicily by Sicily - Tour Operator
fade
3390
page-template-default,page,page-id-3390,mkd-core-1.1.1,mkdf-social-login-1.2,mkdf-tours-1.3.1,voyage child-child-ver-1.5.1507639197,voyage-ver-1.5,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-breadcrumbs-area-enabled,mkdf-header-standard,mkdf-sticky-header-on-scroll-up,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-default,mkdf-fullscreen-search,mkdf-fullscreen-search-with-bg-image,mkdf-search-fade,mkdf-medium-title-text,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza,
per affrontare solo i fatti essenziali della vita,
e per vedere se non fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi,
e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto

Henry David Thoreau nel libro: “Walden ovvero vita nei boschi

 

TREKKING

E’ un’attività associata ad una intensa sensazione di rivitalizzazione ed energia che va oltre quella degli esercizi fisici al chiuso. Le lunghe camminate su sentieri in mezzo alla natura, infatti, influiscono positivamente su tutto l’organismo, con benefici per corpo e mente.

Vantaggi

  • riduce stress, ansia e depressione, dà un maggior senso di soddisfazione e una certa propensione a dedicarsi con più frequenza all’esercizio fisico;
  • permette di tonificare i muscoli di gambe, glutei e addominali;
  • nei più giovani rafforza il sistema immunitario e affina le capacità di termoregolazioni, con ricadute positive nella prevenzione delle malattie da raffreddamento;
  • stimola l’organismo a produrre più globuli rossi favorendo un maggiore apporto di ossigeno ai muscoli, con conseguente miglioramento della performance fisica;
  • contribuisce ad abbassare sia i valori di pressione arteriosa che della frequenza cardiaca e del colesterolo;
  • aiuta a prevenire malattie cardiovascolari, obesità e sovrappeso, diabete e osteoporosi;

Inoltre, fare escursioni in gruppo contribuisce al benessere psicologico e favorisce la socializzazione, l’esposizione alle radiazioni solari favorisce la produzione di vitamina D con ricadute positive sul sistema scheletrico e su quello immunitario. Infine, camminando all’aperto si bruciano più calorie.

Consigli utili

  • per ridurre il rischio di cadute e distorsioni è bene utilizzare scarponcini da trekking che coprano la caviglia, con suole rigide o semi-rigide antiscivolo in grado di garantire un appoggio sicuro del piede;
  • utilizzare indumenti traspiranti e portare sempre con sé una giacca a vento, perché il tempo può variare rapidamente;
  • è consigliabile anche usare uno zainetto ergonomico;
  • i bastoncini aiutano a mantenere una postura più corretta e offrono supporto sui terreni sconnessi (alcuni di essi sono estremamente portatili poiché i possono accorciare e riporre nello zaino quando non servono);
  • se si fa trekking in montagna e l’ascesa in quota è molto rapida, possono comparire i sintomi del mal di montagna: mal di testa, nausea, affaticamento, ecc.

Tale disturbo può diventare grave in chi soffre di problemi cardiocircolatori (come, ad esempio, l’ipertensione). Pertanto, oltre che chiedere indicazioni precise al proprio medico su come comportarsi, occorrono alcune precauzioni:

  • se non si è abituati a fare trekking e attività fisica, conviene procedere per gradi partendo da percorsi facili, brevi e senza un forte dislivello;
  • usare occhiali da sole e non dimenticare la crema solare ad alta protezione: in montagna si è più soggetti al rischio di scottature;
  • per non disidratarsi ed evitare possibili crampi è consigliabile bere spesso acqua o bevande arricchite con sali minerali. Portare acqua a sufficienza e qualcosa da mangiare, per poter fare uno spuntino ogni ora/ora e mezza di cammino (barretta energetica, noci/nocciole, frutta secca, ecc.);
  • per una lunga camminata non usare mai scarpe nuove: il piede non si è ancora adattato e si rischiano vesciche e dolori ai piedi;
  • per precauzione mettere nello zaino disinfettante, cerotti, garze sterili e ghiaccio secco per poter intervenire in caso di piccoli incidenti.